Torna a Eventi FPA

Gli eventi in programma

Torna alla home

  da 10:30 a 12:30

Firenze Smart Benchmarking: quando un rating non basta. [ SB_Firenze ]

Obiettivi di sviluppo a confronto per Firenze 2030

Mercoledi 29 Novembre ore 10.30-12.30
Palazzo Vecchio - Sala Macconi
Piazza Signoria - Firenze

 

Firenze: 3° in classifica nella classifica delle città intelligenti stilata da FPA, ICity Rate 2017. Opendata, crescita digitale, risparmio energetico, mobilità elettrica, istruzione, turismo e cultura, sono alcuni degli ambiti che spingono la città di Firenze sul podio delle città più Smart del paese e per i quali i traguardi definiti nell’ambito dell’Agenda 2030 dell’ONU sono molto vicini.

Partendo da questi risultati il Comune di Firenze, nell’ambito dell’iniziativa Smart Benchmarking portata avanti con FPA, invita il territorio a condividere una riflessione in funzione di una sfida ambiziosa: Firenze 2030 Smart and Sustainable City. Cosa c’è e cosa deve esserci nell'Agenda urbana di Firenze?

Programma dei lavori

Apre e coordina

Mochi Sismondi
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (21 e 39 anni), sono nonno. All’Università ho scelto Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento in pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out. Ho fatto per dieci anni l'operaio (falegname) e poi mi sono occupato di marketing, di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 31^ edizione. Nella mia ormai trentennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 20 Governi e con 18 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni. Nei miei contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

Presenta i risultati dell’analisi “Firenze Smart Benchmarking”

Piersanti
Valentina Piersanti Ricercatrice - FPA Biografia

Sociologa e facilitatrice, si sta occupando per conto di ANCI e FORUM PA delle attività di ricerca e animazione dell'Osservatorio Nazionale Smart City del quale cura in particolare la gestione del rapporto con le città, l'analisi delle best practice in ambitoo programmazione strategica delle città italiane e europee, la definizione di strumenti per il trasferimento e il confronto tra diversi contesti urbani. Svolge dal 2004 attività di consulenza e formazione sulle metodologie partecipative, le tecniche per la creatività e l’apprendimento per promuovere l’innovazione e lo sviluppo locale. Dal 2001 al 2007 ha lavorato come ricercatrice nel settore innovazione della Fondazione Censis, occupandosi prevalentemente di analizzare i processi innovativi nelle pubbliche amministrazioni, nelle imprese e nelle economie locali. Dal 2008 al 2009 è stata responsabile dell’ufficio progetti dell’Unioncamere Sicilia. E' attualmente consulente di Associazione Nuovo Welfare e Amministratore Unico di Artea Studio Srl, un’azienda che lavora prevalentemente con, e per, organizzazioni del terzo settore, aziende ed enti locali come “consulente di processo” in iniziative di innovazione sociale. Nelle diverse funzioni ricoperte nelle due organizzazioni si occupa prevalentemente delle attività legate alla facilitazione, applica le metodologie partecipative a processi di pianificazione e progettazione, alla comunicazione, alla negoziazione e allo sviluppo di strategie operative.  Tra le organizzazioni con cui ha collaborato: Ass. Sport Link, Forum PA, Istituto Mides, CNR, S3.Studium, Aira srl, Spazio Lavoro, FISH, Italia Lavoro, Parco Scientifico e Tecnologico di Tor Vergata, Provincia di Roma, Comune di Roma, INEA.

Chiudi

Intervengono

Quali traguardi e quale visione per Firenze 2030?

Perra
Lorenzo Perra Assessore al Bilancio, Partecipate, Fondi europei, Innovazione tecnologica e sistemi informativi - Città di Firenze

I progetti strategici e il modello di governance di Firenze Smart City

Parenti
Giacomo Parenti Direttore Generale - Comune di Firenze

Ne discutono

Castellani
Laura Castellani Dirigente responsabile Settore Infrastrutture e Tecnologie per lo sviluppo della Società dell'Informazione - Regione Toscana Biografia

Ha conseguito la laurea in Ingegneria Elettronica all’Università di Firenze nel 1992. Ha conseguito il Master: “EMMER Management per l'Ente Regione” presso la “SDA Bocconi” nel 2008.

Dirigente responsabile del “Settore Infrastrutture e Tecnologie per lo sviluppo della Società dell’Informazione” di Regione Toscana dal 2004 al 2019. In questo incarico ha gestito le politiche riguardanti lo sviluppo dell’innovazione tecnologica e della Società dell’Informazione e della Conoscenza su tutto il territorio toscano identificata attualmente nell’Agenda Digitale (Italiana ed Europea) curandone sia la parte organizzativa e di governance territoriale (“Comunità RTRT” Rete Telematica Regionale Toscana), sia il presidio, la gestione e lo sviluppo delle infrastrutture e delle piattaforme ICT. Ha realizzato il Data Center Regionale sviluppato in ottica Cloud, denominato TIX, di cui ha gestito tutte le fasi dalla progettazione, alla realizzazione e alla diffusione sul territorio dei servizi erogati. Ha curato la progettazione, il coordinamento e il controllo della diffusione sul territorio regionale delle infrastrutture in banda larga per la P.A., per cittadini e imprese. Per la Regione Toscana ha tenuto i rapporti con le Pubbliche Amministrazioni Centrali, gestisce gli adempimenti connessi all’attuazione delle azioni e delle misure definite nell’ambito della strategia italiana di recepimento delle linee guida comunitarie in materia di potenziamento delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione con riferimento all’Agenda Digitale Europea ed inoltre è responsabile della gestione dei fondi europei in materia di Agenda Digitale.Ha rappresentato la Toscana nel CPSI all’interno del CISIS, per i temi di innovazione tecnologica e ha fatto parte della Commissione SPC come delegata dal CISIS per la rappresentanza regionale. Dal 2013 è stata membro rappresentante delle Regioni all'interno del Comitato delle Comunità Intelligenti che è l'organismo che si affianca all'Agenzia per l'Italia Digitale per una serie di attività afferenti le comunità intelligenti ai fini della predisposizione degli atti previsti dalla norma istitutiva del Comitato stesso (articolo 20 del decreto legge n. 179/2012, convertito con modificazioni con la legge 17 dicembre 2012, n. 221). Dal gennaio 2016 è stata rappresentante per le Regioni all'interno del CISIS come coordinatore sui temi relativi alla “Cittadinanza digitale” (SPID, ANPR, Italia Login, FERT...). Responsabile per la transizione al digitale per la Regione Toscana.

Dal 10 giugno 2020 Direttore della Direzione Centrale Organizzazione e Digital Transformation presso l’Agenzia Dogane e Monopoli. Qui cura la revisione dei processi organizzativi dell’Agenzia in ottica di transizione al digitale (è anche Responsabile per la Transizione al Digitale) e la digitalizzazione delle procedure nei diversi ambiti gestiti dall’Agenzia.

 

Chiudi

Simoncini
Andrea Simoncini Professore Dipartimento di Scienze Giuridiche - Università degli Studi Firenze
Dei
Luigi Dei Rettore - Università di Firenze Biografia

Dal 1° novembre 2015 è Rettore dell’Università degli Studi di Firenze.

Laurea chimica in nel 1980 presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Università degli Studi di Firenze con la votazione di 110/110 e lode. Abilitazione alla professione di Chimica nel 1981 con votazione 100 su 100. Dottore di Ricerca in Scienze Chimiche (I ciclo) nel 1987. Docente di ruolo nelle Scuole Secondarie Superiori di Scienze Naturali Chimica e Geografia vincitore di concorso a cattedre nel triennio 1987-1990. Ricercatore in Chimica Fisica presso il Dipartimento di Chimica dell'Università degli Studi di Firenze dal 1990 al 2001. Visiting Scientist al Collège de France, Physique de la Matière Condensée diretto da Pierre-Gilles de Gennes Premio Nobel per la Fisica 1991, nel 1994. Professore Associato in Chimica Fisica presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Università degli Studi di Firenze dal 2001 al 2011. Professore Straordinario in Chimica dell’Ambiente e dei Beni Culturali presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Università degli Studi di Firenze dal 2011 al 2014. Professore Ordinario in Chimica dell’Ambiente e dei Beni Culturali presso il Dipartimento di Chimica “Ugo Schiff” dell'Università degli Studi di Firenze dal 2014 ad oggi.
 

Autore o curatore di 5 libri ed oltre 150 lavori scientifici pubblicati su rivista o presentati a congressi nazionali ed internazionali; h-factor 26 (Scopus) 25 (ISI Web of Science) Svolge attività di ricerca di tipo sperimentale prevalentemente nei seguenti campi: sintesi e caratterizzazione chimica di nanomateriali, proprietà chimiche di sistemi colloidali e interfasali, comportamento di nanosistemi in campo biomedico, diagnostica chimica nel campo della conservazione dei beni culturali, nanoscienze e nanotecnologie applicate alla conservazione del patrimonio artistico, sistemi supramolecolari, tecniche spettroscopiche per la caratterizzazione di sistemi soft matter, metodologie calorimetriche e di analisi termica per lo studio di sistemi chimici. Coordinatore e Responsabile di progetti scientifici finanziati dalla Comunità Europea, dal CNR, dalla Regione Toscana e da Aziende e Centri di ricerca Nazionali ed Internazionali Membro dell’Editorial Board di Journal of Cultural Heritage e nel triennio 2011-2013 della rivista Langmuir della American Chemical Society. Revisore editoriale per numerose riviste scientifiche internazionali tra cui Journal of American Chemical Society, Analytical Chemistry, Journal of Thermal Analysis and Calorimetry, Langmuir, Journal of Cultural Heritage. Microchimica Acta, Journal of Crystal Growth, Physical Chemistry Chemical Physics .

Chiudi

Conclude

Nardella
Dario Nardella Sindaco di Firenze Biografia

Dario Nardella è nato a Torre del Greco (Napoli) il 20 novembre 1975. Vive a Firenze dal 1989. Sposato, tre figli.  Nel 1998 si è diplomato in violino presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze e ha svolto fino al 2004 l’attività professionale musicale. Laureato in giurisprudenza con 110/110 e lode all’Università di Firenze. Nella stessa Università ha conseguito il dottorato di ricerca in diritto pubblico e diritto dell’ambiente e poi insegnato Legislazione dei beni culturali. 
Nell’ultimo governo Prodi (2006-2008), è stato consigliere giuridico del Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme istituzionali, Vannino Chiti. Nel 2004 ha fatto la sua prima esperienza in Consiglio Comunale di Firenze, dove ha ricoperto l’incarico di Presidente della V Commissione Consiliare Cultura, Istruzione e Sport. 
Nel 2009, nuovamente eletto come Consigliere Comunale, ha fatto parte della giunta del Sindaco Matteo Renzi come Vicesindaco con deleghe allo Sviluppo economico e Sport. In quella veste ha presieduto il Comitato promotore che ha permesso a Firenze e alla Toscana di aggiudicarsi la realizzazione dei Mondiali di Ciclismo del 2013. 
Nel 2005 ha fondato con il prof. Enzo Cheli, il prof. Leonardo Morlino ed altri amici e colleghi universitari la Fondazione “Eunomia”, che attualmente dirige. 
Nel 2008 è stato selezionato come giovane politico italiano dal Dipartimento di Stato degli USA nell’ambito dell’”International Visitor Leadership Program”. 
Nel 2012 è stato nominato Presidente della Consulta nazionale dell’ANCI (Associazione dei Comuni Italiani) per le attività produttive. 
Nel dicembre 2012 ha partecipato alle Primarie per i Parlamentari del Partito Democratico per Firenze e Provincia e ha ottenuto 9188 preferenze. Alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 è stato poi eletto alla Camera dei Deputati per la XVII Legislatura. È stato membro della Commissione Attività Produttive, commercio e turismo. Come deputato ha firmato e promosso alcune iniziative legislative in settori competenza, come il disegno di legge di abolizione del finanziamento pubblico ai partiti “scegli tu”, la nuova disciplina di realizzazione e ristrutturazione degli impianti sportivi, la salvaguardia e promozione dei negozi storici, gli incentivi alle imprese nel settore dell’innovazione tecnologica, la disciplina degli orari e delle festività nel settore del commercio.
Il 17 febbraio 2014 il sindaco Matteo Renzi, dopo aver ricevuto dal Capo dello Stato l’incarico di formare il nuovo Governo, nel suo ultimo atto come Sindaco lo ha nominato nuovamente Vicesindaco “reggente” di Firenze con il compito di guidare la Città fino alle elezioni naturali del Maggio 2014. Dopo aver votato la fiducia al governo Renzi, ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Deputato della Repubblica. 
Il 23 marzo 2014 ha partecipato alle Primarie del Partito Democratico per il candidato sindaco di Firenze e ha ottenuto 9416 preferenze diventando il candidato sindaco del PD per le amministrative del 25 maggio 2014. 
Il 25 maggio 2014 ha vinto le elezioni amministrative al primo turno col 59,16% dei consensi diventando sindaco di Firenze. Il 21 giugno 2014 è stato eletto coordinatore Anci per le città metropolitane. Il 1/1/15 è divenuto sindaco di Firenze e della Città Metropolitana di Firenze; è stato riconfermato sindaco alle elezioni amministrative del 26/5/2019.

Ha pubblicato volumi e contributi nel campo del diritto pubblico, costituzionale e dei beni culturali con UTET, Il Mulino, Passigli editori e Polistampa.

Chiudi

Torna alla home